Ricezione di un sistema
uditivo impiantabile EAS

Il sistema uditivo impiantabile EAS™ è stato concepito specificamente per individui affetti da sordità parziale. La sordità parziale è definita come una ipoacusia caratterizzata da perdite uditive neurosensoriali lievi o moderate nelle basse frequenze che si aggravano in perdite uditive profonde nelle alte frequenze.

Valutazione
I candidati al sistema uditivo impiantabile EAS vengono sottoposti ad una serie di test audiologici e medici per determinare se l’impianto EAS sia la soluzione migliore per loro. I test audiologici, in particolare, servono a quantificare le perdite uditive sia nelle basse che nelle alte frequenze.

Impianto


La parte interna di un sistema uditivo impiantabile EAS, ovvero un impianto cocleare dotato di un elettrodo particolarmente flessibile, chiamato FLEXEAS, viene impiantato sotto la cute in zona retroauricolare. L’array di elettrodi FLEXEAS viene inserito all’interno della coclea dal chirurgo. Tale chirurgia è una procedura di routine per chirurghi dell’orecchio esperti e richiede solitamente da una a tre ore. Il proprio chirurgo saprà fornire ogni particolare dettaglio sull'intervento chirurgico in questione.

Per una lista di chirurghi esperti potete far riferimento alla nostra Clinic Finder.
.
Attivazione del  sistema uditivo impiantabile EAS
Sia l’audio processore che lo stimolatore acustico del sistema uditivo impiantabile EAS vengono attivati fra le due e le sei settimane dopo l’intervento. Un periodo iniziale di adattamento alla stimolazione combinata è comune e deve essere previsto.

ualora desideraste essere indirizzati direttamente ad un centro ove si realizzino tali impianti o o voleste ricevere maggiori informazioni sugli impianti EAS, vi preghiamo di contattare direttamente MED-EL. 

© 2017 MED-EL