Geoffrey Ball

Inventore del VIBRANT SOUNDBRIDGE

Geoffrey Ball ha iniziato a soffrire di perdite uditive di tipo neurosensoriale da bambino, dopo un grave attacco febbrile. Indossava apparecchi acustici convenzionali e anche se questi dispositivi aumentavano il livello di volume, Ball non è mai stato soddisfatto della loro qualità acustica. All'età di 15 anni, chiese al suo otorinolaringoiatra circa le prospettive di ricevere dispositivi acustici impiantabili. Venne a conoscenza quindi che tali dispositivi erano già in fase di sviluppo e che sarebbero potuti essere disponibili in 5-10 anni. Quello che non sapeva, è che ci sarebbero voluti altri 18 anni prima di poter utilizzare i dispositivi acustici impiantabili che egli stesso aveva progettato.

Dopo aver completato i suoi studi di ingegneria all'Università dell' Oregon, Ball ha lavorato come tecnico biomedico di laboratorio in Virginia per otto anni. Si occupò di molti campi di ricerca sull'udito e si rese conto che le vibrazioni nell'orecchio umano potevano essere simulate con un piccolo trasduttore di segnale. La stimolazione dell'orecchio medio con vibrazioni meccaniche, piuttosto che con onde sonore, viene denominata “stimolazione diretta”. Per Ball, queste conoscenze hanno rappresentato lo stimolo per ricercare un apparecchio acustico impiantabile. Sapeva che un dispositivo simile avrebbe avuto molti vantaggi, dal momento che il condotto uditivo sarebbe rimasto libero con feedback a “stimolazione diretta”. Effetti quali l'occlusione o la distorsione sarebbero stati eliminati e il suono generato risulta naturale.
 

Nel 1992, dopo ulteriori ricerche, Ball era convinto che un attuatore di segnale elettromagnetico fosse la scelta migliore per i dispositivi a stimolazione diretta. Con queste conoscenze Ball trascorreva le sue serate nel suo personale laboratorio di elettronica, costruendo e collaudando nuovi trasduttori di segnale per stimolazioni dirette. Una notte, dopo molti fallimenti, Ball si imbatté in un sistema con evidenti benefici immediati. L'efficienza dell'attuatore era molto migliore rispetto ad altri approcci, e la procedura chirurgica sarebbe stata relativamente semplice.

“Improvvisamente sapevo. Il progetto era così semplice e risolveva così tanti problemi ... Lo sapevo, punto e basta!;” ricorda Ball.

Dopo numerosi nuovi progetti, Ball brevettò la sua invenzione nel 1993. Fu fondata la Symphonix e l'attuatore venne ulteriormente migliorato, portando finalmente allo sviluppo del trasduttore a massa flottante (FMT, Floating Mass Transducer), che è utilizzato ancora oggi.

Dopo l'approvazione dell'impianto per l'orecchio medio in America, Geoffrey Ball è stato uno dei primi pazienti a ricevere un Vibrant Soundbridge.

Qualche tempo dopo ha ricevuto un secondo impianto sul lato opposto.

In qualità di direttore tecnico presso la Symphonix egli ha dedicato il suo tempo a migliorare ulteriormente l'impianto per l'orecchio medio. Quando Symphonix terminò la sua attività imprenditoriale, MED-EL con sede a Innsbruck, in Austria, rilevò il Vibrant Soundbridge nel giugno del 2003. Per commercializzare e sviluppare l'impianto per l'orecchio medio di maggior successo in tutto il mondo fu fondata la VIBRANT MED-EL Hearing Technology GmbH e Geoffrey Ball si unì al team VIBRANT MED-EL in qualità di direttore tecnico. Oggi, Ball, sua moglie e i loro tre figli vivono vicino a Innsbruck.

La determinazione di Geoffrey Ball ha aiutato molte persone in tutto il mondo affette da perdite uditive di tipo conduttivo e misto. La sua invenzione continuerà a permettere a molte persone di sentire la vita.

“Il mio sogno era quello di garantire una migliore qualità di vita per me e per tutti coloro che sono costretti a vivere con perdite uditive", afferma Ball. "È una sensazione indescrivibilmente bella essere in grado di aiutare tutti quelli che vogliono godersi la vita in tutti i suoi aspetti, proprio come me, e che vogliono parlare con i propri familiari, amici e colleghi di lavoro, cosa che sembrava impossibile.”

Nel 2002 Geoffrey Ball ha ricevuto il Premio Annunzio per la Scienza e per la Medicina (2o posto), nel 2000 è stato nominato Ingegnere dell'anno per il miglior progetto e ha vinto il premio Sci3 Silicon Valley per gli imprenditori nel 1998.

© 2017 MED-EL