Tipi di Perdite Uditive

Perdite uditive conduttive

Qualunque problema dell’orecchio esterno o medio che prevenga la corretta conduzione del suono viene identificato come perdita di tipo conduttivo. Le perdite di tipo conduttivo sono in genere di natura lieve o moderata, nell’ordine dei 25 -  65 decibel.

In alcuni casi, le perdite uditive conduttive possono essere temporanee. A seconda della causa specifica del problema, i farmaci o la chirurgia possono essere d'aiuto. Le perdite uditive conduttive possono anche essere trattate tramite apparecchi acustici o impianti per l'orecchio medio.

Perdite uditive neurosensoriali

Le perdite neurosensoriali sono solitamente permanenti e sono il risultato di un danno alle cellule cigliate o di una loro mancanza all’interno della coclea. Conosciute anche come “sordità nervose”, le perdite di tipo neurosensoriale possono essere di natura lieve, moderata, grave o profonda.

Le perdite uditive neurosensoriali lievi o gravi possono spesso essere trattate tramite apparecchi acustici o impianti per l'orecchio medio. Gli impianti cocleari rappresentano spesso una soluzione per le perdite uditive gravi o profonde.

Alcune persone soffrono ipoacusie caratterizzate da perdite uditive neurosensoriali solo nelle alte frequenze, denominate anche sordità parziali. In questi casi, sono danneggiate solo le cellule cigliate alla base della coclea. Nella parte interna della coclea, quella apicale, le cellule cigliate che sono responsabili dell'elaborazione dei toni bassi sono ancora intatte. La stimolazione combinata elettrica e acustica, o EAS è stata sviluppata specificamente per questi casi.

Perdite uditive miste

Le perdite uditive di tipo misto sono causate dalla combinazione di una perdita di tipo conduttivo con una di tipo neurosensoriale. Deriva da problemi presenti nell'orecchio interno ed esterno o nell'orecchio medio. I possibili trattamenti possono comprendere farmaci, interventi chirurgici, apparecchi acustici o un impianto acustico per l'orecchio medio.

Perdite uditive neurali

Un problema causato dal  danneggiamento o dall’assenza del nervo acustico viene classificato come perdita di tipo neurale. Le perdite uditive di tipo neurale sono generalmente di tipo profondo  e  permanente.

Né gli apparecchi acustici né gli impianti cocleari risultano d’aiuto in questo caso poiché il nervo acustico non è in grado di trasmettere sufficienti informazioni uditive al cervello.

In molti casi, un possibile trattamento è rappresentato dall'impianto al tronco encefalico (ABI).

© 2017 MED-EL